lunedì 5 dicembre 2016


Attività con LEGO 

LEGO CODING ACTIVITIES .
In classe abbiamo provato a "fare Coding senza computer, utilizzando i mattoncini LEGO! 





La prima volta solo, sarà necessario stampare, plastificare (facoltativo, ma consigliato) e tagliare tutti i pezzi in modo da formare il labirinto e poi coprire le parti grigie dei labirinti forniti con i mattoncini LEGO per formare le pareti. Si può anche semplicemente  disporre i pezzi LEGO  direttamente sul labirinto laminato.
 Se non si dispone di LEGO di pezzi o se si vuole  solo piuttosto risparmiare tempo, è possibile utilizzare i labirinti così come sono, senza ritagliarli. Hai solo bisogno di un personaggio  da inserire nel percorso.



LIVELLO 1
Questo livello molto semplice insegna al bambino a pensare da un punto di riferimento diverso dal proprio, anche i bambini più piccoli possono imparare questa preziosa abilità .






Livello 2: quando ha raggiunto il livello 1, il bambino si renderà conto che è un po’ noioso ripetere “andare avanti “ 7 volte di fila.  Questo livello introduce il concetto di "cicli    “PER"n. volte
 
  














Livello 3: Per i  bambini più grandi  si possono introdurre " i cicli “mentre" e "se", cercando di far scrivere loro un programma più breve possibile per risolvere un labirinto specifico. Il bambino - programmatore ha solo bisogno di prendere in considerazione tutte le possibilità in qualsiasi posizione si trovi e decidere la migliore sequenza specifica di azioni. Per esempio, che cosa dovrebbe fare il personaggio se c'è un'apertura alla loro sinistra? E se ha di fronte  un vicolo cieco oppure un muro?
Il bambino potrebbe decidere di seguire questo comando: "Se non c'è nessun muro di fronte a me, vado avanti. Fine "


DALLA LOGICA AL CODING

Attività svolte in classe finalizzate allo sviluppo del pensiero computazionale nella scuola primaria



Pensiero Computazionale:   Dalla logica al coding


ATTIVITA’: Per riuscire a completare un compito, un robot ha bisogno di avere una precisa sequenza di istruzioni (chiamata “programma”) da poter eseguire. Un programma è l’espressione di un “algoritmo” in un formato eseguibile da un calcolatore.
Per prendere dimestichezza con i concetti di programma e algoritmo, può essere utile avere un esempio. Per questo esercizio, useremo un linguaggio di programmazione fatto di linee e frecce.



















venerdì 22 luglio 2016

IDEAS for CLIL ACTIVITIES : Houses and Homes!

"Home" can mean many different things to different people. Children explore the concept of home by looking at houses around the world, in the past and present. They investigate representations of homes in Fairy tales. They discuss the inter-relationships within the home and the difference between a house and a home.
 
House or Home?
Suggested Learning Intentions
SuggestedActivities  
As a class brainstorm the word ‘home’. Discuss what makes a home, for example, the people and/or family who live in it, safety and security, your room or your belongings. Identify similarities and differences between the pupils’ families, such as, the number of children, adults and extended families. Find out about and discuss different sayings related to home, such as, ‘home is where the heart is’ and ‘home sweet home’. Create your own sayings about home.  
What Do Different Houses And
Homes Look Like?
Suggested Activities  
Find storybooks and fairytales that are set in different houses, for example,Snow White’ or ‘The Three Little Pigs’. After shared and modelled reading,work in pairs to compare and contrast the different features of the houses (location, size, materials). Discuss how the story would differ if one of the features were changed, for example, if the rst pig’s house had been made of bricks.

venerdì 5 febbraio 2016

Carnevale in classe: tutti in scena!

Il carnevale ci ha offerto lo spunto per introdurre una nuova tipologia testuale: 
il TESTO TEATRALE e di esplorarne i vari aspetti.
Esploriamo un testo teatrale:LA MALATTIA DI ROSAURA, facendo cogliere ai bambini i vari elementi che lo compongono atti,  le scene, i personaggi, scenari, didascalie, cambiamenti di luoghi.











  La maschera di PULCINELLA
Abbiamo iniziato proponendo il dettato e poi la lettura della breve descrizione di una  maschera tradizionale italiana,  Pulcinella.
Dalle lettura di questo testo descrittivo,  proponiamo ai bambini un' attività di riflessione linguistica sui nomi alterati.
 
 
      Dopo aver ricercato gli elementi fisici e comportamentali, i bambini, con il nostro aiuto, hanno riscontrato che il linguaggio è ricco di aggettivi qualificativi e di nomi specifici carichi di significato.
     
 
    

      

giovedì 28 gennaio 2016

Il Giorno della Memoria



Il 27 gennaio del 1945 furono abbattuti i cancelli di Auschwitz. Ogni anno in tale data si celebra la GIORNATA DELLA MEMORIA.
Per riflettere insieme,  abbiamo letto questa intensa  poesia di Arianna Bianchi " Per non dimenticare"